a
Questo sito utilizza cookies per migliorare la sua esperienza. Se lei continua a utilizzarlo, accetta l'uso dei cookies. Si, accetto Opzione d'evitare la trasmissione di dati a Google
Cliccare qui per ulteriori informazioni
x

Carcinoma squamocellulare

Il carcinoma squamocellulare è la seconda forma più comune di tumore della pelle. 

Aspetto  

I carcinomi squamocellulari spesso si sviluppano dalla cheratosi attinica. Essi appaiono sia come escrescenze in rilievo nella pelle con una superficie crostosa, o come parti di pelle squamose e rosse. Crescono in maniera relativamente veloce, e possono diventare ulcerati o essudativi. Spesso possono esseri scambiati per verruche. 

Sedi
I carcinomi squamocellulari si possono trovare in qualsiasi zona del corpo, comprese le membrane mucose e gli organi genitali, ma più comunemente si sviluppano nelle aree esposte di frequente al sole, compreso il viso, il cuoio capelluto, le orecchie, le labbra, il collo e gli arti. Hanno una particolare ricorrenza nelle zone che hanno subito i danni del sole e appaiono insieme ad altri segni di tali danni, come le rughe o la perdita di tono cutaneo. 

Evoluzione 

Rilevati abbastanza presto, i carcinomi squamocellulari rispondono molto bene alle cure. Se non vengono curati, finiscono per penetrare i livelli più profondi della pelle e possono causare un deturpamento permanente. In rari casi, i carcinomi squamocellulari possono diffondersi ai linfonodi e ad altri organi, diventando potenzialmente fatali. Il trattamento chirurgico è quindi consigliato.